Lo Zug der Liebe

E come ve lo spiego lo Zug der Liebe che girava per le vie di Berlino sabato?

L’idea era quella della LoveParade, nata a Berlino nel 1989 e finita a Duisburg nel 2010 a seguito di un incidente che ha portato alla morte di una ventina di persone e al ferimento di centinaia (sostanzialmente per cattiva organizzazione e sovraffollamento delle vie di fuga).

Ho scattato qualche foto per il blog ma non rende l’idea. Manca la musica, il movimento, l’atmosfera, il divertimento.

E ora come vi spiego i carri con musica techno ad alto volume e il dj in cima, ma dedicati a temi come la salvaguardia dell’ambiente, a partire dagli spazi verdi in città, alle regole del commercio internazionale e alla necessità di maggiore e migliore accoglienza dei profughi che richiedono asilo? Come vi spiego persone di tutti i tipi e di ogni età che ballano dietro i carri sorridenti e divertiti, famiglie intere con i bambini con le cuffie protettive per il rumore e tuttavia divertitissimi di partecipare alle danze sulle spalle del papà, di anziani Ossis che si imbattono per caso con la busta della spesa e sotto i baffi sorridono di questa libertà, così come sorridono di nascosto i poliziotti messi in sicurezza, con i più giovani che sembrano trattenersi a fatica dal muoversi al ritmo di musica nonostante le tenuta da robocop.

Sembrava un riassunto dell’anima multiforme e scanzonata della città.

E giusto alla fine del corteo, dietro chi si attardava a comprare da bere prima di proseguire, mentre un vento fortissimo rinfrescava dal sole, arrivava un altro corteo: quello delle macchine per pulire le strade e i marciapiedi. Così la città sembrava come un bambino che si scatena nei giochi e poi mette in ordine la cameretta.

Poco avanti il corteo avanza, con una marea di giovani, cinquantenni con la cresta, tatuaggi, bambine in rosa, bottiglie di birra fresca e Pfandjäger che cercano di anticipare i pulitori.

Dat ist Berlin.

Annunci

6 pensieri su “Lo Zug der Liebe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...