Die Zauberflöte alla Komische Oper

È possibile mettere insieme Buster Keaton, Louise Bourgeois, Nosferatu, Dumbo, Mozart, Louise Brooks, i cartoni animati vecchio stile, progetti di architettura, il gioco dell’impiccato, il Vaudeville, i disegni dei Monty Python?

Sì. Basta avere un flauto magico.

Barrie Kosky, che insieme al gruppo 1927 è l’artefice della regia del Flauto Magico alla Komische Oper di Berlino – un successo di pubblico notevole – sostiene che grazie a questa interazione di animazioni e attori, possiamo così guardare con occhi da bambini l’opera, curiosi di sapere come andrà avanti.

In effetti nel pubblico ci sono anche tanti bambini che decisamente sembrano a loro agio. Ma anche gli adulti ridono, spiazzati.

E l’impressione è che anche Mozart si sarebbe divertito moltissimo a vedere questa messa in scena, libera finalmente dalle piume sul costume di Papageno, dal flauto di pan al collo, dal nero sulla faccia di Monostatos – e piena di fantasia.

O ‘so eine Flöte ist mehr als Gold und Kronen wert,

Denn durch sie wird Menschenglück und Zufriedenheit vermehrt.

 

Annunci

Un pensiero su “Die Zauberflöte alla Komische Oper

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...