Mall of Berlin

Da qualche mese ha aperto il gigantesco centro commerciale “Mall of Berlin” a Leipziger Platz. Erede di uno dei padri di tutti i centri commerciali, realizzato sullo stesso luogo da Georg Wertheim nel 1906 – all’epoca il più grande e lussuoso d’Europa. Non solo commercio: nel precursore si tenevano anche letture letterarie e concerti.

Nell’attuale si cerca di celebrare la ricucitura della città dopo 25 anni dalla caduta del muro, con frasi scolpite sul pavimento (che poi la maggior parte dei turisti presenti le notino solo perché le sto fotografando, è un altro discorso).

La frase storica pronunciata da Willi Brandt per la ricucitura di Berlino e della Germania alla caduta del muro
La frase storica pronunciata da Willy Brandt per la ricucitura di Berlino e della Germania alla caduta del muro

Tuttavia, poco sembra essere rimasto del vecchio fascino che doveva avere l’antico centro commerciale, del quale si ammirano foto storiche sulle pareti – la trovata migliore, anche se delle didascalie sarebbero state d’aiuto per i turisti che si aggirano ignari del passato.

"L'umanità deve mettere fine alla guerra o la guerra metterà fine all'umanità".
“L’umanità deve mettere fine alla guerra o la guerra metterà fine all’umanità”.

Soprattutto perché nei caffè anonimi e tutti uguali dei centri commerciali di tutto il mondo ci si può fermare a riposare dallo shopping o ad aspettare che spiova ma non è piacevole incontrarsi. Qui sembra di stare in un aeroporto o in un qualsiasi Mall in qualsiasi parte del mondo. La “Piazza”, una zona ricoperta pedonale, ripete il gioco del Sony Center e riesce ancor meno a creare una vera piazza.

Forse perché non è più il tempo delle piazze e tantomeno il tempo dei caffè letterari di inizio Novecento?

“Popoli del mondo – guardate Berlino, dove un muro è caduto, un continente si è riunito e il corso della storia ha dimostrato che nessuna sfida è troppo grande per un mondo che è unito”
“Popoli del mondo – guardate Berlino, dove un muro è caduto, un continente si è riunito e il corso della storia ha dimostrato che nessuna sfida è troppo grande per un mondo che è unito”

Fatto sta che un mercato come il Mauerpark con i suoi viali polverosi continua ad attirare giustamente folle di turisti e berlinesi, regalando un’aria speciale che nessun centro commerciale potrà mai avere. Allora sarebbe almeno da puntare su un’architettura notevole come è accaduto per il Bikini. Ma il Mall è piuttosto anodino anche da questo punto di vista. Le solite catene di negozi, le solite scale mobili.

Peace&Marketing
Peace&Marketing

Fuori, i lavoratori che hanno lavorato giorno e notte per costruirlo a tempo di record distribuiscono volantini per raccontare le pessime condizioni di lavoro e di pagamento che ha riservato loro la ditta appaltatrice. Così anche le belle frasi incastonate nei pavimenti perdono ogni sostanza e sembrano ridotte a semplici slogan pubblicitari (tanto quanto uno slogan pubblicitario può diventare altro in mano a un artista).

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...