Bici, pedoni e taxi: note per una pacifica convivenza

Arriva l’estate. Che si sia sfidato l’inverno e il gelo senza abbandonare le due ruote, o si sia ripresa la bici dalla cantina al primo sole, con la dolce metà sulla canna o il passo nervoso e veloce, ora è il momento giusto per pedalare.

Saggezza su un muro berlinese
Saggezza su un muro berlinese

Vale dunque la pena di fare qualche annotazione per la buona convivenza tra pedoni e ciclisti, prima che i rapporti si facciano tesi e si aumenti il mito del ciclista prepotente e del pedone stolto.

Sulla strada che costeggia la AVUS c’è un bellissimo cartello che dice “pedoni e ciclisti, fate attenzione gli uni agli altri!”.

Ecco, con lo stesso spirito, che potremmo tradurre con il meno prussiano “datevi una regolata”, mi permetto di sottolineare alcuni aspetti, a rischio di risultare molto impopolare:

Le bici di Rauschenberg a Potsdamer Platz
Le bici di Rauschenberg a Potsdamer Platz

1) chi viene dall’Italia, purtroppo, spesso non è abituato a vedere delle piste ciclabili; la conseguenza più comune è che non le nota e finisce per camminarci sopra. Questo comporta un serio pericolo: a Berlino la bicicletta può essere un mezzo per fare sport o per svagarsi ma è soprattutto un abituale mezzo di locomozione, pertanto la pista ciclabile equivale a una strada trafficata e non è il caso di passeggiarci in mezzo. Errare è umano, perseverare dopo che vi siete presi 40 scampanellate, è diabolico.

2) Anche il ciclista inesperto può rappresentare un pericolo, dunque è bene ricordare che tutte le regole vanno rispettate (semafori, precedenze, sensi di marcia – sebbene non sia raro vedere qualcuno contromano), che vi capiterà spesso di dovervi fare da parte per lasciar passare qualcuno che va molto più veloce di voi e che non appena passerete dall’altra parte del manubrio finirete per guardare storto chiunque metta un piede sulla pista ciclabile, sebbene un minuto prima con buona probabilità quel piede sarebbe stato il vostro. Anche in questo caso i controlli non mancano: ricevere una multa non è raro e capita di imbattersi in veri e propri posti di blocco per biciclette.

3) Girare la città in bici è sicuramente molto piacevole, anche se quando non si conoscono le strade e si vuole ammirare il circondario con la brezza sul volto, una soluzione migliore potrebbe essere quella di servirsi si qualche taxi-bici.

4) Le bici multiposto sono tanto divertenti per chi ci sta sopra ma un incubo per chi le incrocia. (Idem il segway). Avrete l’impressione si stare sul pedalò al mare ma siete comunque in mezzo al traffico di una città.

5) Non riuscite a scollarvi le cuffie dalle orecchie e dovete proprio scrivere il messaggio al cellulare mentre vi spostate? L’abbonamento ai mezzi pubblici è a vostra disposizione in varie opzioni e/o camminare è una attività molto salutare.

6) Generalmente l’attenzione degli automobilisti per le biciclette è alta e sembra che le biciclette siano al primo posto in una sorta di scala sociale dei possibili mezzi di trasporto che vede sull’ultimo gradino le auto. Ma anche tra gli automobilisti c’è qualcuno che è inesperto o non conosce bene le strade, sarebbe dunque bene fare attenzione a non essere troppo spavaldi in bici. Soprattutto è bene fare molta attenzione a chi scende dai taxi: spesso si tratta di turisti (vedi il punto1) e non riflettono due volte prima di aprirvi una portiera in faccia. Tanto che l’associazione ciclistica tedesca, la ADFC, ha proposto di mettere sui taxi un adesivo che possa sensibilizzare i clienti in proposito (non dimenticherò mai un conoscente romano che mi raccontò di essere andato a Amsterdam in macchina. “bellissima città ma ogni volta che aprivo lo sportello ci trovavo due o tre ciclisti”).

L'adesivo per i taxi, dal sito del ADFC
L’adesivo per i taxi, dal sito del ADFC

Buone passeggiate e pedalate a tutti!

https://berlino101.wordpress.com/?s=in+bici+a&submit=Cerca

 

Annunci

2 pensieri su “Bici, pedoni e taxi: note per una pacifica convivenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...