Il CSD 2013 a Berlino

Il 22 giugno a Berlino era di scena la parata del Christopher Street Day Berlin, ovvero quello che altrove si chiamerebbe la sfilata del gay pride.

Il Christopher Street Day, prende il nome dalla via del Greenwich Village di New York, dove nel 1969 si manifestò contro gli interventi della polizia contro gli omosessuali nel quartiere. Le prime sfilate del CSD in Germania si tennero a Berlino e a Brema nel 1979. (Ma ricordo che nel 1919 qui già si facevano film educativi in proposito, come ho già raccontato)

Il CSD e.V. di Berlino è stato fondato alla fine del 1999, sulla scia delle organizzazioni (Sonntag-Club, LSVD und Mann-O-Meter) che dal 1994 al 1999 hanno organizzato la parata del CSD.

In una città nella quale non sembra veramente importare granché l’orientamento sessuale di una persona, c’è ancora da combattere per veder del tutto riconosciuto nei fatti un uguale trattamento per tutti i cittadini.

La cosa che più mi è piaciuta è proprio il fatto che nel reclamare diritti non si chiedeva semplicemente attenzione per una parte ma si andava nella sacrosanta direzione nella quale le parti non ci siano più.

Non mancavano poi splendidi costumi, la musica d’ordinanza e una festosa allegria travolgente.

Il primo carro (dei 50) che ho incontrato è stato quello delle “famiglie arcobaleno”, con genitori dello stesso sesso, organizzato dalla SPD (per chiarirvi le idee in proposito, in Italia leggete il libro di Claudio Rossi Marcelli, del quale ho parlato qui).

regenbogen familienLo slogan ufficiale di quest’anno era “Basta con i discorsi della domenica!” (Schluss mit Sonntagsreden!”).

CSD

Il carro dei Verdi (Die Grünen), che esortava a mettere da parte le chiacchiere e non votare più chi discrimina.

Die GruenenTuttavia non mancava neppure il carro della CDU (il partito dei Cristiano Democratici), o meglio del LSU (un sottogruppo dell’Unione), sebbene il partito fosse stato invitato a non partecipare. Un cartello dei Verdi, con chiaro riferimento a un vecchio argomento, recitava piuttosto “Votare CDU è curabile”.

LSUPreceduto da un corteo di tamburi, il carro contro la discriminazione di chi convive con l’AIDS (perché di AIDS si muore ma sempre più con l’AIDS si vive) e spesso ha difficoltà a trovare lavoro. Con la specifica che AIDS non è sinonimo di omosessualità e che la migliore lotta contro la malattia è l’informazione.

HIVC’era anche il gruppo dei Berlin Bruisers, la prima squadra di rugbisti gay in Germania. Un bell’esempio per quei settori nei quali si fatica ad ammettere la presenza di omosessuali (come il calcio o l’esercito).

Rugby2Non solo Germania: insieme al carro degli Olandesi, a favore per l’uguaglianza e l’accettazione delle differenze ovunque, si protestava contro le brutali discriminazioni in Russia.

Russia(Per chi fosse giustamente deluso delle mie foto, può andare qui: http://www.csd-berlin.de/csd-parade-2013/)

p.s.

Apprendo da qui
http://stadtschaft.wordpress.com/2013/06/30/pride-week/
che c’è stata pure una funzione religiosa nella Marienkirche per il CSD – no, non “contro” i partecipanti, come potrebbe accadere in italia, ma per e con i partecipanti.

Annunci

4 pensieri su “Il CSD 2013 a Berlino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...