Il castello Cecilienhof a Potsdam

Il castello Cecilienhof di Potsdam è l’ultima residenza costruita dagli Hohenzollern (tra il 1914 e il 1917) che vi rimasero fino al 1945, dopo la fine della monarchia nel 1918.

Il Kaiser Guglielmo II lo fece costruire per il figlio, che avrebbe dovuto ereditare la corona, e la compagna, Cecilia, dalla quale prende il nome.

Il castello, simile a una residenza di campagna, ha una forma piacevolmente asimmetrica e dimensioni senza sfarzo.

Una statua di Narciso cerca il proprio riflesso nelle acque: se si vuole una metafora della monarchia…

Il castello ospita un ristorante e un meno pretenzioso caffè, perfetto per una pausa se siete arrivati qui in bici da Berlino (sebbene è possibile che vi venga voglia di sparare sul pianista).

Per arrivare in bici è sufficiente seguire lo stesso percorso che si fa per Wannsee e Potsdam (Brandeburger Tor – Messe – via parallela alla AVUS), girando a destra dentro il parco subito dopo il celebre ponte di Glienicke, uno dei punti di confine tra Berlino ovest e la DDR (durante la guerra fredda era chiuso al traffico e divenne celebre per lo scambio di spie fatte prigioniere).

Gliencker BrueckeDal 17 luglio al 2 agosto 1945 il castello ospitò la Conferenza di Potsdam, con la quale si decise il futuro della Germania dopo la seconda guerra mondiale.

Churchill per l’Inghilterra, Truman per gli USA e Stalin per l’URSS siedono qui a discutere, come li ricorda ancora qualche foto.

Pochi anni dopo quella foto di tre grandi seduti a chiacchierare sorridenti, non sarebbe stata più attuale.

Il parco che lo circonda è gradevolissimo e nei giorni di sole è preso d’assalto da Berlinesi e brandeburghesi che si stendono a prendere il sole, spesso nudi, a breve distanza dalle placide acque dello Jungfernsee o dello Heiliger See.

Nel parco si trova anche il Marmopalais: voluto da Federico Guglielmo II, nipote e erede di Federico II il Grande, che volle allontanarsi dallo stile barocco erococò prediletto dallo zio.

Fu costruito nel 1787-1792 da Carl von Gontard e Carl Gotthard Langhans.

Durante la seconda guerra mondiale fu in parte danneggiato, con la DDR divenne un museo dell’esercito. Armi e uniformi vennero rimosse nel 1989 e in anni recenti il castello è stato restaurato.

Annunci

Un pensiero su “Il castello Cecilienhof a Potsdam

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...