Le pietre d’inciampo berlinesi e romane

Qualche settimana fa, passeggiando a Berlino immersa nei miei pensieri, ho avuto per un momento l’impressione di trovarmi di nuovo a Bali.

Un'offerta a Bali
Un’offerta a Bali

Questa impressione improvvisa e involontaria mi era venuta dal fatto che poco avanti a me, sul selciato del marciapiedi, avevo visto qualcosa che sembrava proprio una delle bellissime offerte che le donne balinesi lasciano ovunque, non solo fuori dai tantissimi piccoli templi che caratterizzano questa straordinaria isola, ma anche sulla porta di casa, in riva al mare, o semplicemente sotto un albero, per strada.

BaliOffertaSi tratta di un piccolo cestino quadrato, fatto con foglie di palma intrecciate, che contiene cose semplici, come un po’ di riso, fiori, o biscotti.

L’illusione, grazie all’aria fredda che mi soffiava sul viso e mi faceva camminare raccolta negli abiti pesanti, è durata pochissimo ma è rimasta la curiosità di capire cos’era ciò che l’aveva generata. Si trattava di una piccola corona di rose attorno a uno Stolperstein, una delle tante pietre d’inciampo dell’artista Gunter Demnig che ricordano chi è stato deportato e ucciso durante l’epoca nazi-fascista.

Lo Stolperstein circondato di fiori a Berlino
Lo Stolperstein circondato di fiori a Berlino

A Berlino gli Stolpersteine sono tantissimi e stalvolta per un anniversario si era aggiunto il ricordo al ricordo.

L’occasione per narrare questo piccolo aneddoto mi viene dal fatto che lunedì 14 e martedì 15 gennaio a Roma si terrà la quarta edizione di “Memorie d’inciampo” un progetto a cura di Adachiara Zevi, che promuove questa bella iniziativa anche in Italia.

INVITO SANPIETRINI 2013_1-4-2Verranno posti nuovi Stolpersteine a Roma, nei municipi I, II. IX, XVII, XVIII.

Con la speranza che nessun cretino si permetta di rovinarli, come ho saputo che purtroppo è successo in Italia.

Annunci

2 pensieri su “Le pietre d’inciampo berlinesi e romane

  1. bellissima iniziativa!! NE ho sentito proprio oggi parlare al tg3 regionale…
    Insieme alla brutta notizia della morte di Mariangela Melato… Lo so non c’entra niente, ma mi ha così rattristata…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...