Riconoscimenti

Roma. Esterno, giorno. Una ragazza vestita da adolescente sfigata – niente marchi tipo The north face, per intenderci, e Abercrombie è per lei l’autore di un interessante articolo su William Holder. Occhiali da sole. Auricolari sulle orecchie. Maglietta a mezze maniche. Cammina a passi distesi e veloci su una strada alberata assolata e trafficata. Tutto intorno le persone indossano curiosamente giacche invernali, sebbene ci siano almeno 20 gradi.

Lungo la via ci sono dei soldati in mimetica marrone armati di tutto punto. (La città non è in guerra, se non con sé stessa). Il colore predominante della zona è il grigio asfalto e le mimetiche spiccano come insegne luminose.

Interno, malconcio. Lo sportello della segreteria di un dipartimento universitario. La ragazza chiede al giovane borsista un timbro su un documento. Tutti i presenti nell’ufficio storcono il naso con l’aria di chi ha avuto una richiesta improponibile. Ma il boss dell’ufficio riconosce la ragazza. «Ah, è lei». Afferra il timbro e, clack, è fatta.

(Perché è così che qui funzionano le cose: se ti riconosco, ti accordo un tuo diritto, che deve però apparire come un mio favore, sia chiaro. Se non ti riconosco, vediamo se dietro le tue suppliche ti farò questo favore – oppure dimostrami Chi sei).

Contemporaneamente, a pochi isolati di distanza, è in corso una recita teatrale. Qualcuno, e più precisamente la ragazza, avrebbe dovuto prendervi parte e inciampare sulla scena, da brava spalla comica. La brutta pièce, già vista mille volte, va invece avanti come monologo, con le luci accese e la sala vuota nella quale risuonano applausi registrati.

Esterno, giorno. La stessa strada dell’inizio, alberata assolata e trafficata.

La ragazza vede venirle incontro un uomo di mezza età. Occhiali da sole, giacca leggera The north face e pantaloncini. Abbassa la musica per sentirne la voce. È americano.

Ripercorre il tragitto inverso dell’andata con il sorriso. Militari. Si sofferma in un parco a leggere una mezzora. Due bambini cinesi – gli unici in un quartiere di anziani – le mandano saluti e un abbozzo di bacio.

(Tra stranieri ci si intende).

Annunci

2 pensieri su “Riconoscimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...