L’intreccio tra toponomastica e storia a Kreuzberg

Tutti sanno che Kreuzberg prende il nome dalla croce (Kreuz) che sormonta la colonna posta sopra la collina (Berg) che qui si trova.

La colonna sormontata dalla croce, è un’opera di Schinkel del 1821, e ricorda le vittoriose battaglie contro Napoleone.

Ma quanti conoscono veramente la storia di questa colonna?

La colonna vista dalla cascata artificiale del Victoriapark

Vale dunque la pena ripassare un po’ gli eventi: a fronte dell’espansione francese sotto Bonaparte, il re Federico Guglielmo III di Prussia (figlio del successore di Federico II il Grande), pur volendosi mantenere neutrale, decise infine nel 1806 di entrare in guerra contro la Francia, alleato con Regno Unito, Russia e Svezia. Invase il confinante Elettorato di Sassonia per obbligarlo a entrare nella coalizione anti-francese. All’azione seguì la decisa risposta di Napoleone che portò a una rapida (bastarono 33 giorni) e dura (con 20000 tra morti e feriti e 140000 prigionieri) sconfitta per la Prussia.

Il 27 ottobre 1806, dopo essere andato a Potsdam a visitare la tomba di Federico II il Grande, Napoleone entrò a Berlino.

Gli ugonotti berlinesi – riparati in Prussia dal 1685 grazie all’editto di Potsdam, a firma di Federico Guglielmo di Brandeburgo, che garantiva libertà religiosa sul suo regno, dopo essere stati espulsi dalla Francia con l’editto di Fontainebleau – smisero da allora di utilizzare il francese come lingua per la religione e adottarono definitivamente il tedesco.

Dopo la sconfitta francese in Russia nel 1812, tuttavia, le sorti si rovesciarono: nel 1813 Russia, Prussia, Austria, Svezia e Regno Unito si allearono per sconfiggere la Grand Armée e riprendersi il governo dei territori perduti.

Ne seguì la celebre battaglia di Lipsia, detta anche la “Battaglia delle nazioni” (Völkerschlacht) per il gran numero di popoli coinvolti, dal 16 al 19 ottobre del 1813, finita con la sconfitta di Napoleone che dovette ritirarsi verso il Reno e la Francia ponendo fine all’espansione francese. Blücherstraße e Gneisenaustraße, a Kreuzberg, ricordano ancora i nomi dei due generali che per primi entrarono a Lipsia, giusto a poca distanza dalla croce sulla collina.

Oggi per tutti questo è il Victoriapark, dove andare a passeggiare e ammirare la zona dall’alto. Prima delle vittorie, invece, la collinetta si chiamava Tempelhofer Berg, Götzescher Weinberg o Runder Weinberg (a sud della collina alcuni vigneti producono piccolissime quantità di vino).

Studiare la storia sui libri può risultare noioso ma viverne le tracce passeggiando in città è una occasione preziosa che non bisognerebbe perdere.

Annunci

Un pensiero su “L’intreccio tra toponomastica e storia a Kreuzberg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...