Posti a sedere

Mi stupisco sempre di trovare un posto per sedermi sui mezzi pubblici anche alle 8 di mattina. Ma non è di questo che voglio parlare, perché so già che tanti berlinesi stanno pensando “macché, io il mattino sulla U  faccio fatica a respirare…” (sarà che io ho presenti i trasbordi di Caronte, che evidentemente nelle ore di punta si alterna tra il 60x e la metro romana, e che ancora non ho mai visto in forza alla BVG).

Per evitare le polemiche parlerò dunque di altro, per esempio del fatto che i giovani a Berlino non sono abituati a offrire il loro posto a sedere agli anziani (quando l’ho visto fare si trattava in genere di turisti, non raramente italiani), forse perché normalmente non c’è bisogno.

O del fatto che quasi tutti leggono sui mezzi pubblici. Sarà perché coprono spesso lunghe distanze, perché c’è il necessario silenzio e, ovviamente, perché trovano posto a sedere o quantomeno uno spazio vitale sufficiente ad aprire un libro. La possibilità di navigare in rete ha distolto alcuni dalla pagina stampata, qualcuno sfoggia un lettore di ultima generazione, ma i più hanno ancora dei libri in mano, spesso vecchi libri prestati dalla biblioteca o comprati in qualche mercato dell’usato.

Quale che sia il motivo per la presenza di tanti lettori, il panorama di volti intenti a leggere crea una piacevole sensazione di quiete.

Annunci

Un pensiero su “Posti a sedere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...