Motorini

Dopo molti anni a Roma, benché non ne abbia mai posseduto uno, ho imparato ad apprezzare chi fa uso del motorino. Questo perché si sa che data la scarsa efficienza del trasporto pubblico romano, tutte quelle persone andrebbero ad aumentare il numero di auto con un solo passeggero a bordo, se non avessero scelto le due ruote.

D’altra parte la maggior parte dei motorini causa un notevole inquinamento acustico e olfattivo.

Sono convinta che se Roma avesse delle vere piste ciclabili e se tra gli automobilisti si diffondesse il rispetto per i ciclisti, molti romani sceglierebbero di spostarsi in bici – come alcuni già fanno, non senza rischi.

Il problema non sono infatti i sette colli (che con l’espansione cittadina sono ben più di sette): per quelli basterebbe una bici con il cambio.

Il problema non è certo il clima: se in alcuni periodi d’estate fa oggettivamente troppo caldo, in ogni caso il paragone climatico tra la capitale italiana e quella tedesca non può che essere a favore della prima.

Il problema non è la mentalità, o almeno non lo è del tutto, perché le idee si cambiano e molti sarebbero ben disposti a risparmiare su benzina e palestra (l’odiosa crisi economica poteva essere uno spunto per avviare un cambiamento ecologista).

Il problema dunque è solo che a Roma non c’è una politica a favore dell’uso delle biciclette (nonostante i nobili tentativi di pressione da parte degli attuali ciclisti).

La prima volta che ho fatto un giro in bici a Berlino mi sono trovata con un’automobile che, uscendo da un garage, si trovava sulla pista ciclabile in attesa di immettersi nella sua corsia. Vedendomi ha immediatamente indietreggiato per farmi passare. Dopo un momento di commozione ho capito che mi trovavo nel posto giusto sul mezzo giusto: anche quassù bisogna essere prudenti in bici ma non si ha la sensazione che provai a Roma, quella di valere meno di un piccione agli occhi degli automobilisti.

Il paragone a questo punto va rovesciato: perché scegliere di andare in motorino a Berlino? Spostarsi con i mezzi pubblici qui è facilissimo e a meno che non si sia cardiopatici (ma sembrano essere sempre dei baldi giovanotti quelli in sella) in una zona non collegata con U-Bahn, S-Bahn e così via (esistono veramente?), non vedo perché si dovrebbe lasciare la bici a favore di un motorino. Pedalando ci si scalda e si sopportano meglio le giornate fredde, e quando si incontra un motorino si ha la chiarissima esperienza di quanto disturbi la quiete e la qualità dell’aria.

I paragoni sono sempre odiosi, eppure in un senso e nell’altro tutto ciò mi sembra di una banalità disarmante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...